05.10.2018 | In primo piano

“Improvvisamente, fumare non era più importante”

Rita Gerber e Matthias Flückiger hanno partecipato a un seminario di “Easyway” per non fumatori a spese di PB Swiss Tools. Com’è andata?

Riportiamo subito il dato più importante: Rita Gerber e Matthias Flückiger hanno fumato l'ultima sigaretta il 7 novembre 2017. E hanno mantenuto questo risultato, dopo 13 e 22 anni di fumo.

 Quel giorno, su invito di PB Swiss Tools, hanno partecipato al seminario per smettere di fumare Easyway, un metodo sviluppato dall’accanito fumatore Allen Carr dopo innumerevoli tentativi falliti. Ha smesso di fumare da un giorno all’altro, ha scritto libri e organizzato corsi. Oggi questi corsi sono tenuti da istruttori in molti paesi, tra cui la Svizzera.

 

“Non parliamo delle conseguenze negative del fumo”

Secondo uno studio dell'Università di medicina di Vienna, la percentuale di successo è superiore al 50%. Si tratta di un dato impressionante, considerando le forti strutture di dipendenza sviluppate dai fumatori. Che cosa rende il metodo Easyway così efficace? 

 “Abbiamo un approccio completamente diverso", afferma l'istruttore Martin Böhler, che ha diretto il seminario per i collaboratori di PB Swiss Tools. “Non parliamo delle conseguenze negative del fumo - ogni fumatore le conosce, così come le terribili immagini e i testi dissuasivi sui pacchetti di sigarette. Non parliamo di smettere, ma chiediamo: perché fumate? E ha senso continuare a fumare? Questo ‘smonta’ le ragioni del fumo e la sensazione di perdita che si teme all’idea di smettere. Si teme che venga a mancare qualcosa. È da qui che partiamo”

 

Una tecnica a scalare, senza costrizioni

Martin Böhler sa di cosa parla. Ha fumato per 20 anni e poi ha smesso di fumare con Easyway. Poiché il tema del fumo viene fortemente rimosso, la questione va affrontata con un approccio a scalare: “Il primo passo è un evento informativo della durata di un'ora, al quale si può partecipare senza alcun impegno. Si tratta solo di ascoltare. Poi si decide se partecipare o meno al seminario di un giorno, seguito da un follow-up. Non c'è alcuna costrizione né pressione. Ma di fatto, molti partecipanti dopo il corso semplicemente non capiscono il senso di fumare, e pensano: posso continuare a fumare, ma perché dovrei?

Rita Gerber e Matthias Flückiger erano due dei 17 collaboratori di PB Swiss Tools che si sono iscritti al corso nell'autunno del 2017. L'evento informativo precedente era obbligatorio per tutti i fumatori dell'azienda, in modo che potessero farsi un'idea del metodo e decidere se partecipare o meno. 

In un'intervista Rita Gerber e Matthias Flückiger raccontano come hanno vissuto il seminario e come si sentono oggi senza il fumo. 

Era molto tempo che pensavate di smettere di fumare?

Matthias Flückiger: Nel mio caso, no. Ho fumato per ventidue anni. In realtà non sono andato al corso per smettere, solo per ascoltare.

Rita Gerber: Per me è andata in modo simile. Ci pensavo a volte che avrei smesso un giorno, ma non sapevo quando. Si sa, non arriva mai il momento giusto. Ho fatto come Matthias: mi sono iscritta al corso dopo aver partecipato all'evento informativo.

 

Come avete vissuto il corso?

Matthias Flückiger: Durante l'evento informativo ci è stato detto che potevamo continuare a fumare. Mi sembrava strano e ho pensato: come è possibile? Così non smetterò mai. Poi è arrivato il 7 novembre. Ci sono andato e continuavo a pensare che non avrebbe funzionato solo ascoltando. Poi abbiamo scoperto quello che stavamo fumando, quell’insetticida. Ho imparato la professione di giardiniere e so che tipo di abbigliamento protettivo è necessario indossare per non ammalarsi. E ho dovuto ammetterlo: qualcosa non torna.

Rita Gerber: Il 7 novembre mi sono seduta fuori prima dell'inizio del corso e ho fumato una sigaretta. Poi è iniziato, e la cosa peggiore per me è stato il fatto che l'insegnante ha continuato a parlare di fumo. Non riuscivo più a sopportarlo. Alle undici sono uscita ho fumato avidamente come mai prima d'ora durante la pausa pranzo. Più tardi, alle due e mezza ci è stato detto, ora fumiamo l'ultima sigaretta, ma ho pensato che non era più così difficile. Sono tornata a casa dopo e non avevo voglia di sigarette.

Perché questo per te improvvisamente non era più importante?

Rita Gerber: Mi sentivo come Mattia. Provengo anch’io dal settore del giardinaggio, e la storia dell’insetticida mi ha fatto pensare. Mi sono anche resa conto che la motivazione a fumare è simile al lavaggio del cervello. L'insegnante ci ha chiesto: che cosa fate quando siete stressati? Da fumatori uscivamo a fumarcene una, ma lo stress non diminuiva. Si pensa che andando a fumare ora una sigaretta poi il mondo ridiventerà di nuovo rose e fiori, ma in realtà non è vero, al contrario. Si diventa ancora più stressati perché si deve ancora passare il nostro tempo a fumare. 

 

L'ambiente è un fattore importante. Non è strano quando molte persone intorno fumano e improvvisamente si smette?

Matthias Flückiger: Ho molti colleghi che fumano. Per me era importante poter stare ancora con loro e trattarli esattamente come prima. Volevo verificarlo e sono andato subito tra le persone che fumano. Volevo la conferma che mi sarei attenuto alla decisione di non fumare, anche se altri fumano o bevono alcolici. Ha funzionato e ho avuto la buona sensazione di essere rimasto forte.

Rita Gerber: Poco dopo il corso abbiamo festeggiato il Natale aziendale, ed è stato interessante. Mi piace ancora uscire fuori con i fumatori, e ci sono stati commenti sul fatto che non fumo più e domande sulla qualità del corso. Penso che se il corso fosse di nuovo proposto tra un anno o due, avrebbe sicuramente dei partecipanti.

Non sei mai caduta in tentazione dal 7 novembre?

Rita Gerber: No. Non è stato impegnativo. Poco dopo aver smesso era inverno, quindi era comunque sempre scomodo e sgradevole andare al freddo per fumare. All'inizio pensavo che mi sarebbe mancato in primavera, quando si sta seduti all’aperto con un bicchiere di vino, ma non è stato così. Anche se qualcun altro intorno a me fuma: mi piace ancora sentire l'odore, ma non mi manca.

Matthias Flückiger: No. Non fumo più, nemmeno occasionalmente. Non c'è una sigaretta ogni tanto. O si fuma o non si fuma. 

 

Cosa stai facendo con i soldi che hai risparmiato?

Matthias Flückiger: Nel mio caso, si tratta di circa trecento franchi al mese. Ci servirà da extra per i lavori nell’area esterna della nostra casa.

Rita Gerber: Io li sto usando per finanziare un viaggio in Canada.

 

Vi ringrazio molto per l'intervista!

 

PB Swiss Tools investe nella salute dei propri collaboratori e offre ai fumatori la possibilità di partecipare a un seminario Easyway a intervalli irregolari, gratuitamente e durante l'orario di lavoro. 

Ulteriori articoli sul tema "Salute sul lavoro":
<link de aktuelles detail ergonomie-am-arbeitsplatz-kommt-allen-zugute>“Ergonomia della postazione di lavoro: un vantaggio per tutti" Postura e seduta migliore grazie agli ausili ergonomici

<link de aktuelles detail wir-sind-mit-dem-velo-da>«“Noi ci siamo, in bici!”» La campagna Bike-to-work

<link de aktuelles detail mit-morgenturnen-faengt-es-an>Per cominciare, risveglio muscolare con un reportage fotografico sulle misure di promozione della salute presso PB Swiss Tools

 

#salute #nonfumatori #easyway #smetteredifumare #workwiththebest #formulanonfumatori #diventarenonfumatori #fumatori #bastafumo

Share this article
Share Tweet Share Email
Visit
Abbonati alla newsletter